Le cibarie, un progetto che nasce per riportare nell’animo delle persone l’amore per il cibo e per la cucina, per gestire la nutrizione e per evitare lo spreco alimentare

+39 338 4881174
info@lecibarie.it
Image thumbnail

Shop

HomeShopCuneo, PiemonteGenepy di terre di Castelmagno 50cl

Genepy di terre di Castelmagno 50cl

21.00

Genepy di terre di Castelmagno 50cl

Il genepy appartiene botanicamente al genere “Artemisia”, è presente in tutto l’arco alpino ad altezze superiori ai 1700 metri, sviluppandosi su terreni morenici. Le difficoltà nel raggiungere i luoghi in cui la pianta cresce, ha indotto alcuni montanari a sviluppare la coltivazione di alcune specie di Genepy, l’Artemisia mutellina.

Esaurito

Descrizione

Descrizione

Genepy di Castelmagno

 

Il genepì è una pianta spontanea che cresce sull’arco alpino italiano ad altezze superiori ai 1700 metri, su terreni morenici, nelle fessure delle rocce, nei pascoli sassosi.

L’estrema difficoltà nel raggiungere i luoghi in cui la pianta cresce ed unitamente al divieto di raccolta, ha indotto alcuni montanari a sviluppare la coltivazione di alcune specie di Genepy, quali l’Artemisia mutellina i cui fiori hanno l’aspetto di piccoli capolini di colore giallo distribuiti lungo il fusto.

I fiori di genepì vengono raccolti nel mese di Luglio e fatti asciugare direttamente in quota, in fienili freschi ed arieggiati. Una volta essiccati i fiori vengono utilizzati per la produzione del liquore simbolo della montagna, il Genepy, dalle note proprietà aromatiche, digestive e balsamiche. Consigliato il punch al Genepy.
L’estrazione dei principi attivi contenuti nella pianta avviene per infusione o in sospensione. I fiori di genepì vengono posti in infusione in soluzioni idroalcoliche e l’infuso così ottenuto viene poi addizionato con una combinazione di acqua e zucchero per ottenere la voluta gradazione alcolica.

Il Genepy di Castelmagno, è ancora prodotto seguendo una antica ricetta, si caratterizza per una naturale colorazione paglierina con tendenza al verde pallido, ed esprime gli stessi profumi, le stesse fragranze delle erbe dei pascoli già presenti nel Castelmagno d’Alpeggio, con l’aggiunta di inebrianti note alcooliche per cui è un prodotto di grande pregio.

Cibarie il presidio del buon mangiare

Bilogic agenzia di comunicazione integrata